martedì 13 ottobre 2015

Grave lutto

Il 24 giugno 2014 si spegneva, a causa di un male incurabile, Tullio Cirri. A 78 anni veniva a mancare ai suoi affetti e alla città di Pinerolo un uomo e un politico di cui andare fieri. Ex-dirigente d'azienda, già Assessore cittadino, liberale, Presidente del Consiglio Comunale, apparteneva a quel modo di fare politica che con i fatti di Roma Capitale e con l'astensione non c'entra proprio nulla. Era persona puntigliosa, meticolosa, rigorosa e ligia, uomo prodigo di consigli, sempre pronto ad aiutarti quando avevi un problema, non viveva di politica ma per la politica metteva a disposizione la propria vita. Figura di spicco del Centro democratico e cristiano si è sempre prodigato per rendere preciso e semplice il modo di fare Amministrazione. Proprio come era lui. Sposato e con tre figli, con lui Pinerolo perde un esempio importante di quello che la politica potrebbe e dovrebbe essere se non si lasciasse sedurre da devianti sirene tentatrici. Friederic Nietsche scriveva che “se guardi a lungo in un abisso, anche l'abisso guarda dentro di te”. Non sappiamo se Tullio Cirri si sia mai trovato in una situazione del genere ma possiamo tranquillamente affermare che sarebbe stato uno tra i migliori ad uscirne fuori senza traumi. Ci mancherà tantissimo.